Perchè un nuovo referendum abrogativo della L.194

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
feto

Di Pietro Guerini

FetoIl 18-7-2009 pubblicai su www.ladestrabergamo.it un intervento intitolato significativamente “ Una proposta di iniziativa concreta a favore della vita “ , con la quale intendevo farmi promotore di un nuovo referendum abrogativo della L. 194/78 in materia di aborto .
Da tale intervento nacque il 28-9-2009 il sito www.no194.org , il primo sorto con quello specifico obiettivo , nel quale fu riportato il giorno stesso l’originale manifesto dell’iniziativa a firma del sottoscritto. (in calce, il file originale).
Ora, tale iniziativa partiva da un presupposto di fondo , esplicitato in quell’intervento ed in quel manifesto : che lo Stato moderno (e comunque, lo Stato italiano) venisse meno alla propria funzione fondamentale.
Funzione rappresentata dalla tutela dei soggetti più deboli , vale a dire dei concepiti .
I concepiti non guadagnano , non comprano , non occupano , non scioperano , non protestano , non ricoprono incarichi di potere e , soprattutto , non votano .
La tutela statale , in realtà , è rivolta prioritariamente agli elettori , vale a dire a coloro che nominano i componenti del Parlamento , dal cui consenso i parlamentari dipendono .
Ma quando gli interessi di comodo dell’elettore contrastano con quelli di coloro che elettori non sono e che sono oggettivamente più deboli , chi provvede alla loro tutela ?
Una soluzione tecnico-giuridica potrebbe essere rappresentata dal riconoscere costituzionalmente i loro diritti , a partire dal diritto alla nascita , il che avrebbe già legittimato nel 1978 l’adozione di pronunce di incostituzionalità della 194 in quanto lesiva di quel diritto da parte della Consulta .
Un diritto prodromico di per sé ad ogni altro e che , in particolare , avrebbe dovuto essere ricondotto espressamente dai costituenti tra quelli inviolabili riconosciuti dall’art. 2 della carta .
Ed un diritto da comprimere solo in caso di pericolo di vita della potenziale madre , come prevede la legislazione irlandese .
Un’altra soluzione , a mio avviso , è individuabile nell’attribuire al Presidente della Repubblica un diritto di veto su quelle leggi con le quali il Parlamento leda i diritti dei non elettori .
Purtroppo , l’art. 74 Cost. si è limitato a riconoscere al Capo dello Stato una semplice facoltà di rinvio alle Camere con richiesta di nuova deliberazione , facoltà non ripetibile e non vincolante per le stesse .
In assenza di tali strumenti è stata possibile l’entrata in vigore della L. 194 e l’unica via a disposizione per contrastare ( se non , come opportuno , per abrogare ) l’attuale normativa è quella referendaria , tanto più per il pericolo di impopolarità che nuovi interventi legislativi in qualsiasi modo restrittivi rivestono in tale materia , alla luce degli interessi di comodo sopra menzionati .
Una via che va intrapresa senza lasciarsi suggestionare dal risultato di consultazioni analoghe passate , ormai trentennali , svoltesi in un’epoca profondamente diversa sul piano culturale e olitico .
Una via , ancora , che presuppone il superamento delle divisioni tra aree politiche ed interne alle stesse , mediante organismi apartitici che operino facendo esclusivo riferimento al tema abortivo e con quel solo fine abrogativo .
Ed una via che deve essere percorsa con passione e spirito missionario , con l’orgoglio , l’ambizione e l’operosità di chi vuole davvero affermare e difendere un’Idea forte nella quale crede profondamente .

TESTO DELL’INTERVENTO DEL 18/7/2009, citato a inizio articolo

UNA PROPOSTA DI INIZIATIVA CONCRETA A FAVORE DELLA VITA

La funzione fondamentale dello Stato ( di qualunque tipo o forma ) è quella di provvedere alla difesa dei soggetti più deboli .
In assenza dello Stato , una comunità è destinata ad essere soggiogata dalla ricchezza , della forza , dalla violenza , dal potere e da coloro che usufruiscono di tali prerogative , vale a dire i più ricchi , i più forti , i più violenti e i detentori delle posizioni di privilegio .
Il Cristianesimo per primo , a fronte di tale realtà oppressiva , ha sostenuto la centralità dell’Uomo e degli ideali di eguaglianza dei diritti ( che gli ateniesi limitavano ai liberi , escludendo gli schiavi ) , di fratellanza degli uomini ( riferita anche a coloro che aderivano a diverse confessioni ) , fatto salvo il libero arbitrio , categoria soprattutto cattolica , vale a dire la libertà di ciascuno di far le proprie scelte e di osservare o meno i precetti che quel grande ( quanto meno e di fatto sul piano del coinvolgimento popolare ) movimento religioso ha suggerito ed affermato .
Appare , quindi , a dir poco incredibile che il Presidente della Camera del nostro paese abbia nei mesi scorsi contrapposto ideali illuministici ( a suo dire forieri della dea laicità ) e religiosi ( visti come indici di arretratezza oscurantista ) , in quanto i tre princìpi fondamentali dell’illuminismo e della rivoluzione francese ( con tutte le sue storture ) erano già stati proclamati dal Cristianesimo quasi due millenni prima della nascita di quel movimento culturale .
Ora , chi è l’Uomo , da considerarsi oggetto della tutela statale e destinatario degli ideali di eguaglianza , fratellanza e libertà ?
E’ pacifico che ciascuno di noi esiste a seguito della ricorrenza di due condizioni : il concepimento e l’assenza di eventi letali , tra i quali deve annoverarsi , anzitutto ed oggettivamente , l’aborto non spontaneo , vale a dire la volontaria interruzione della gravidanza .
Ed è pacifico , dunque , che un concepito , da un lato , va considerato a tutti gli effetti alla stregua di un essere umano e , dall’altro , che è il più debole tra gli esseri umani .
Un concepito non guadagna , non compra , non occupa , non sciopera , non protesta , non ricopre incarichi di potere .
Ciò premesso , non si riesce a comprendere come uno Stato possa ritenersi civile contravvenendo alla sua funzione fondamentale sopra indicata ( la tutela dei soggetti più deboli ) e , pertanto , alla tutela di un concepito .
L’aborto viene oggi considerato come un evento fisiologico , quasi ineluttabile .
Esso, in realtà , è un fenomeno di carattere strettamente culturale .
In Irlanda ( paese di solida ed orgogliosa tradizione cattolica , sottoposto a forti pressioni laiciste da parte dell’UE ) è ammessa l’interruzione volontaria di gravidanza solo allorché sia in pericolo la vita della madre .
E’ vero che 4 000 donne irlandesi ogni anno si recano in Inghilterra per abortire , ma è anche vero che nell’isola verde ( alla faccia dell’aborto clandestino ) vi è un tasso di natalità 4 volte superiore a quello che si registra in Francia , secondo paese dell’unione europea in questa graduatoria e che risente positivamente al riguardo della massiccia presenza di immigrati di fede e cultura mussulmana , oltreché di una seria politica assistenziale a sostegno della maternità .
In Italia il numero di aborti annui in proporzione al numero di abitanti è quadruplo rispetto a quello irlandese , nei paesi dell’Est europeo vi sono più aborti che nascite .
E’ evidente , dunque , che la nostra area politica , che affonda le proprie radici ideologiche nella ferma adesione ai valori della tradizione cattolica ( un’adesione con inevitabili connotazioni di carattere comunitario , se è vero che capitale del Cattolicesimo e del nostro paese di fatto coincidono, tanto che il Papa è Vescovo di Roma ) , se vuole avere un significato , deve combattere per la loro difesa , al fine di evitare l’imbarbarimento derivante dal duplice attacco che la nostra civiltà sta subendo , rappresentato , da un lato , dal relativismo-laicista di matrice liberal-radical-comunista e , dall’altro , dall’invasione di altre culture , non sempre fondate sulla tolleranza e sul rispetto dell’Uomo ( e della donna , in particolare , a proposito di soggetti deboli ) .
Vogliamo una società che consenta alle donne ( ed agli uomini ) di nascere e di sopravvivere ( Fini sul caso Englaro : “ Rispettiamo la volontà del padre “ ! ) senza attribuire ai genitori o ad uno di essi un diritto di soppressione , diritto che in Italia viene esercitato verso i nascituri del tutto liberamente soprattutto nei primi 90 giorni di concepimento ( ex art. 4 L. 194/78 ) a discrezione di un genitore , e che non permetta che le donne ( e gli uomini ) vengano considerati come oggetti o ridotti in schiavitù .
Sono d’accordo sulla necessità di affrontare la piaga abortiva sul piano culturale ( spiegando nelle scuole che forse sopprimere un feto non costituisce un atto di emancipazione femminile o una conquista della nostra era ) e sul piano assistenziale ( garantendo un assegno statale alla madre già dai primi mesi di gravidanza , come proposto da un leader di un partito della nostra area ) .
Però , da pragmatico uomo di legge , auspico una concreta iniziativa del nostro partito e di tale area ( iniziativa aperta a coloro che si dichiarano cattolici moderati e che ritengono che sul terreno della moderazione si possano affermare valori , purtroppo , travolti in questi decenni senza alcuna effettiva efficace resistenza ) diretta alla raccolta di firme per la promozione di un referendum abrogativo delle norme più significative della legge 194 , che avrebbe ben maggiori possibilità di raggiungere il “ quorum “ di votanti di quante non ne avessero già in partenza tutti gli inutili referendum promossi negli ultimi anni .
Un passo necessario per contrastare il genocidio di nostre e nostri connazionali ( nel numero di 5 milioni ad oggi, in 30 anni dall’entrata di vigore di tale osannata legge ) innocenti ed inermi , a fronte di un immutato numero di aborti clandestini ( 50 000 all’anno ) , e per intervenire restrittivamente sulla disciplina regolante e legittimante tale piaga .
Che le leggi non possano contribuire a modificare i fenomeni sociali lo trovo assai dubbio , ricordo per tutti il calo significativo di fumatori successivo all’entrata in vigore della normativa introdotta dal Ministro Sirchia , che ha inciso su una condotta che produce addirittura assuefazione .
In ogni caso , nella peggiore delle ipotesi , non avremmo il rimpianto di aver “girato la testa dall’altra parte“ per usare parole già sentite , ma potremmo affermare di aver sollevato un dibattito sulla revisione di una legge non attaccata neppure da Ferrara , un dibattito a livello pubblico morto e sepolto da un trentennio , dando un senso alla nostra appartenenza culturale ed ideale , con l’illusione o la speranza di aver salvato qualche vita , per aver alimentato qualche riflessione individuale in più sul tema oggettivamente principale per l’umanità : la vita, per l’appunto .
Affinché un soggetto possa beneficiare di un incremento retributivo mensile di qualche centinaio di euro o detrarre fiscalmente qualche migliaio di euro in più all’anno ( questioni sulle quali i politici si azzuffano quotidianamente ) gli si deve anzitutto consentire di nascere .

Post più recente Post più vecchio Home page
CERCA NEL BLOG

powered by

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su