Scriptorium – Recensioni – rubrica del sabato di Cristina Siccardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzscriptorium

Scriptorium

Recensioni  –  rubrica del sabato di Cristina Siccardi

.

La Sacra Bibbiaintrodotta e annotata dall’Abate don Giuseppe Ricciotti – Un vero e proprio monumento sacro, totalmente attendibile, sia per le traduzioni, sia per le note, sia per le spiegazioni, sia per i commenti. Riproporre ed avere questa Sacra Bibbia significa non incorrere in moderne traduzioni e manipolazioni dei testi sacri, usciti dopo il Concilio Vaticano II.

.

zzzzbbrcctt«I libri che formano la Bibbia non sono semplici libri umani, bensì divini, perché hanno Dio per autore principale; infatti gli autori umani, a cui detti libri sono attribuiti, li scrissero sotto quella particolare assistenza divina che  è chiamata “ispirazione”. Questa dottrina è accennata, più o meno esplicitamente, in vari passi della Bibbia stessa […]; è stata poi insegnata con chiarezza sempre maggiore dai Padri e Dottori della Chiesa, e proposta come dogma di fede della Chiesa stessa. […] Giustamente, perciò, si potrà e si dovrà attribuire ciascun libro della Bibbia e ciascuna sua parte sia a Dio, come ad autore principale, sia al suo scrittore umano, come ad autore strumentale; e di quest’ultimo autore si potranno legittimamente indagare l’indole, la cultura, lo stile letterario e simili cose, perché la sua personalità umana è rimasta interamente anche sotto l’influsso dell’ “ispirazione” e si è esplicata nella sua pienezza, salvo la possibilità di errare». Nelle Sacre Scritture, dunque, non esiste errore; a ribadirlo fu il celebre Abate don Giuseppe Ricciotti (storico, biblista, archeologo) nell’introduzione generale alla Sacra Bibbia, pubblicata da Salani nel 1958 e rieditata più volte, fino a scomparire, per ritornare nuovamente oggi, grazie alle Edizioni EFFEDIEFFE.

All’inizio del 1945 l’Abate Ricciotti era fra i più noti esponenti della cultura cattolica in Italia: dopo una Storia d’Israele in due volumi apparsa fra il 1932 e il 1934, nel 1941 aveva pubblicato presso l’editore Rizzoli la sua Vita di Gesù Cristo, di cui abbiamo parlato la scorsa settimana, opera che aveva ottenuto un encomio solenne dell’Accademia d’Italia e aveva conosciuto un sorprendente successo di pubblico: sei edizioni tra il 1941 e la fine del 1942 a fronte di 40.000 copie vendute.

Nel 1958 uscì poi un vero e proprio monumento sacro, riproposto ora in 1850 pagine. Perché è utile possedere proprio questa Bibbia, visto che ne esistono molte in circolazione? Perché questa è totalmente attendibile, sia per le traduzioni, sia per le note, sia per le spiegazioni, sia per i commenti. Riproporre ed avere questa Sacra Bibbia significa non incorrere in moderne traduzioni e manipolazioni dei testi sacri, usciti dopo il Concilio Vaticano II.

«Oggi il cattolico, degno di questo nome», afferma ancora don Ricciotti nella sua introduzione generale, «farà buona accoglienza a tutti gli studi seri ed oggettivi di filologia, archeologia, ecc., che contribuiscano in qualsiasi maniera a riconoscere e schiarire il testo della Bibbia; ma insieme considererà questi studi come un mezzo, non come un fine, giacché essi mirano all’intelligenza praticamente fruttuosa di quel testo; soprattutto poi egli avrà sempre presente che quel testo non è umano, ma divino, essendo stato ispirato da Dio ed avendo Dio per autore. Egli perciò si avvicinerà a quel testo con venerazione e con spirito di pietà e di fede; lo riterrà, in conseguenza dell’ “ispirazione” […], immune da ogni errore, e lo considererà affidato per la sua interpretazione autentica al supremo magistero della Chiesa, a cui è affidato l’intero deposito della Rivelazione divina; nel mirare a cogliere l’intelligenza di quel testo, pur servendosi di tutti gli apporti delle scienze moderne, egli non trascurerà di aver presente l’interpretazione datane dai Padri e dalla tradizione cristiana, la quale è di grande autorità anche sotto l’aspetto semplicemente storico, e come pure avrà presenti le eventuali decisioni dottrinali della Chiesa, le quali in materia biblica hanno valore perentorio “in cose di fede e di costumi che spettano all’edificazione della dottrina cristiana” (Concilio di Trento, sess. IV)».

Quando l’Abate, nato a Roma nel 1890 e deceduto a Roma nel 1964, si cimentò in questa impresa, insieme ad un eccellente Comitato di esperti (Bonaccorsi, Castoldi, Giovannozzi, Mezzacasa, Ramorino, Zampini) aveva ben presente i pericoli dello storicismo applicato alle Sacre Scritture di quegli eruditi che mettono al centro il proprio scibile e le scienze umane piuttosto che la Fede. Ecco che il postconcilio produrrà esegeti e biblisti come il Cardinale Carlo Maria Martini o il Cardinale Gianfranco Ravasi.

Leggere, studiare, documentarsi, pregare, meditare su questo Antico e Nuovo Testamento curato con Fede, pietà, venerazione, rispetto per la Tradizione della Chiesa e con criteri rigorosi e scientifici, significa fidarsi e affidarsi con sicurezza e tranquillità all’autentica SACRA BIBBIA.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Scriptorium – Recensioni – rubrica del sabato di Cristina Siccardi”

  1. Normanno Malaguti

    Ringrazio Cristina siccardi per la segnalazione. possiedo già dell’abate Ricciotti: ‘La vita di Gesù Cristo’, Le Lettere di ‘San Paolo’, ‘Paolo Apostolo’ e
    ‘Storia di Israele’, non mi farò mancare quest’uiltimo e più importante ‘Testo dei Testi’.
    Purtroppo Ricciotti é mancato settantenne nel 1964, altrimenti, penso, avrebbe partecipato alla battaglia per la difesa della Sacra Tradizione e della Parola da par suo.

      1. Caro Anonymus, esulto insieme a Lei! (Più per Salvini e per la Lega che per Zaia, che si è dichiarato favorevole alla fecondazione eterologa)!

  2. È un grande regalo di inestimabile valore che la vulcanica EFFEDIEFFE ha messo a disposizione di chi vuole abbeverarsi alla fonte della Parola del Creatore attraverso una guida esperta e magistrale dal punto di vista scientifico e sano dal punto di vista della fede. Ho acquistato la Bibbia Ricciotti dopo aver disperatamente cercato l’edizione Salani per anni, rovistando tutte le librerie cattoliche e vaticane di Roma. Nulla! Loro vendono solo Brosio, Mancuso, Bianchi e altro materiale sensazionalistico, che non guasta mai in questi tempi di pochezza filosofica e teologica. Un’opera bellissima e utilissima. L’unica pecca è la scomodità data la mole. Potevano presentarla in due volumi o tre. Sarebbe stato meglio. Comunque vi consiglio vivamente di acquistarla. Abbeverarsi alla fonte sana della Parola seguendo l’abate Ricciotti, grande uomo di studio e scienza, è indispensabile. Perché proprio ora, noi vero Israele, lavati nel Sangue dell’Agnello, siamo chiamati a stare saldi nella fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su