Scriptorium – Recensioni. Rubrica quindicinale di Cristina Siccardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzscriptorium

Scriptorium

Recensioni  –  rubrica quindicinale di Cristina Siccardi

.

Il Regno Unito si è liberato dalla UE. Nei libri consigliati dal Parlamento Europeo appare chiaro il contributo dei democristiani e degli altri “padri fondatori” alla costruzione dell’Unione Europea massonica, sinarchica e secolarizzante.

.

zandreotti degasperiIl 23 giugno 2016 la Gran Bretagna ha incrinato l’Unione europea: una data storica, dalla quale scenderanno molte conseguenze. La prima fra tutte è quella che l’Unione in Europa non può essere imposta tirannicamente perché ogni nazione di questo continente ha una chiara identità di storia, di cultura, di lingua e di moneta, le quali discendono, inevitabilmente, da identità filosofiche e religiose millenarie e tali identità non possono essere cancellate. Gli immanenti eurocrati si sono dimenticati che l’Europa ha un’anima, il Cristianesimo, che ha modellato ogni sua nazione.

Interessante notare come nell’elenco dei 100 libri consigliati dal Parlamento europeo compare Alcide De Gasperi, con il testo La nostra patria Europa. Si tratta di un discorso che egli pronunciò a Parigi il 21 aprile 1954 (in “Alcide De Gasperi e la politica internazionale”, Roma, Cinque Lune, 1990, Vol. III, pp. 437-440), nel quale si evince la tensione utopica al raggiungimento di un’unica casa per l’Europa. L’eurocentrismo degasperiano è basato sull’aspirazione di pace fra i popoli, una concordia che dovrebbe derivare dall’economia condivisa, concordia per la quale si è disposti a servirsi dapprima di un vago sentimento cristiano, per poi incanalarlo nelle contingenti necessità di tipo personalistico, rinunciando esplicitamente alla confessione pubblica della fede cristiana:

«Dopo aver parlato al Congresso dell’Aia nell’ottobre scorso davanti ai rappresentanti dei paesi che si sono voluti chiamare la “Piccola Europa”, sono felice di poter ora levare lo sguardo verso più vasti orizzonti e di salutare qui i parlamentari di un’Europa formata dalla maggior parte dei paesi che si improntano alla sua civiltà e alla sua storia. Proprio in questa sala, io sono stato citato a comparire or non sono molti anni, per ascoltare le sensazioni della guerra. Oggi, noi ci riuniamo in piena fiducia per adoperarci all’unione dei nostri popoli. Tutte le nazioni associate al Consiglio d’Europa sono rappresentate in questa Conferenza, nella quale vedo con soddisfazione la numerosa delegazione britannica…».

Alcide De Gasperi parla del Cristianesimo come base comune dell’Europa, dal quale non si può prescindere, ma esso è preso in considerazione non per esaltare le comuni fondamenta sulle quali proseguire il cammino di valori etici condivisi, bensì per guardare al punto di partenza di una cultura cristiana comunque da superare e trasformare secondo le esigenze del nuovo umanesimo, ovvero quell’umanesimo personalistico che si è emancipato dal Cristianesimo, diventando, oggi, idolatra dei “diritti” individuali. Quelle parole sono molto esplicative:

«Se con Toynbee io affermo che all’origine di questa civiltà europea si trova il cristianesimo, non intendo con ciò introdurre alcun criterio confessionale esclusivo nell’apprezzamento della nostra storia. Soltanto voglio parlare del retaggio europeo comune, di quella morale unitaria che esalta la figura e la responsabilità della persona umana col suo fermento di fraternità evangelica, col suo culto del diritto ereditato degli antichi, col suo culto della bellezza affinatesi attraverso i secoli, con la sua volontà di verità e di giustizia acuita da un’esperienza millenaria.

È vero che queste forze spirituali rimarrebbero inerti negli archivi e nei musei se l’idea cessasse di incarnarsi nella realtà viva di una libera democrazia che, ricorrendo alla ragione e all’esperienza, si dedichi alla ricerca della giustizia sociale; è vero anche che la macchina democratica e l’organizzazione spirituale e culturale girerebbero a vuoto se la struttura politica non aprisse le sue porte ai rappresentanti degli interessi generali e in primo luogo a quelli del lavoro.

Dunque, nessuna delle tendenze che prevalgono nell’una o l’altra zona della nostra civiltà può pretendere di trasformarsi da sola in idea dominante ed unica dell’architettura e della vitalità della nuova Europa», ma le tendenze opposte (in primis quelle derivanti dalle forze comuniste), proponeva lo statista italiano, avrebbero potuto contribuire a creare «il libero e progressivo sviluppo» in base al quale decidere di edificare la «casa comune».

Nell’intervento di Giulio Andreotti, Unione europea: un personaggio in cerca d’autore (Istituto universitario europeo, Firenze 23 novembre 1985-Ottava conferenza Jean Monnet), anch’esso presente nei 100 studi consigliati dal Parlamento europeo, si comprende quanta parte i democristiani ebbero nella costruzione dell’attuale concetto di Europa. Nell’introduzione del trattato il Presidente dell’Istituto universitario europeo, Werner Maihofer, disse:

«L’omaggio che ogni anno rendiamo, con questa conferenza, a Jean Monnet è un omaggio che si rivolge altresì a personalità le quali, da una quarantina d’anni, consacrano la loro vita a realizzare un’Europa unita seguendo l’esempio di Jean Monnet. Fra queste personalità di vocazione e di merito europeo, abbiamo il privilegio di salutare oggi come nostro invitato d’onore Giulio Andreotti, ministro degli esteri del governo italiano […] vorrei soprattutto ricordare in due parole l’azione europea dell’on. Andreotti che, sin dall’inizio della sua attività, si è costantemente adoperato alla realizzazione dell’Europa unita. Non dimentichiamo certo il ruolo che egli ha svolto come presidente in carica del Consiglio dei ministri delle Comunità europee nel corso dei negoziati per l’adesione del Portogallo e della Spagna. L’Italia, in quel momento storico, avrebbe avuto tutti i motivi per bloccare, o almeno paralizzare, l’ingresso della Spagna e del Portogallo nelle Comunità europee. Per converso l’Italia, sotto l’impulso dell’on. Andreotti, ha fornito un esempio, un modello di spirito europeo che meriterebbe di essere seguito anche da altri in futuro: per la realizzazione del mercato interno, per la trasformazione del sistema monetario, ecc. Soprattutto è suo merito personale se l’Italia oggi si trova all’avanguardia dell’Europa, non soltanto per azione di Altiero Spinelli e dei suoi colleghi del Parlamento europeo, ma anche grazie a lei e ai suoi colleghi membri dei governi europei. Se la fortuna continuerà ad assisterla, ella potrà avvalersi di un’occasione storica per guadagnarsi — fra tanti uomini politici indecisi e troppo prudenti, troppo limitati dalle loro prospettive e dai pregiudizi nazionali — il rango e il nome di uno dei grandi architetti di quell’Europa unita che sta nascendo, rinascendo. È evidente che nello stesso spirito europeo ella ha impegnato tutta la sua influenza per far nascere e crescere questa prima università europea, che oggi la riceve e la onora. E di questo le siamo grati!».

Grazie a De Gasperi, ad Andreotti, a Jean Monnet, che vedeva nell’America l’«arsenale delle democrazie», al comunista Altiero Spinelli, si sono poste le basi edilizie di Bruxelles, della Banca Centrale Europea, degli eurocrati, dell’asse Merkel-Hollande, con il loro paggio Renzi.

In quell’intervento del 1985 Andreotti dichiarò:

«[…] noi, eredi di De Gasperi, abbiamo oggi, davanti alla storia, una responsabilità enorme: quella di non lasciare che altri distorcano l’idea originaria di un’Europa intesa come patria comune e come scelta di civiltà». Ma quale civiltà? I Padri fondatori dell’Unione massonica, sinarchica e secolarizzante recisero le radici dell’Europa e così facendo hanno dato luogo ad un vero e proprio aborto di non civiltà, di cui sempre più nazioni europee, democraticamente, stanno prendendo coscienza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Scriptorium – Recensioni. Rubrica quindicinale di Cristina Siccardi”

  1. Gentile Signora Siccardi, in questo momento è bene ed ottimo non tacere, mentre microfoni e penne omologate stanno dispiegando tutta la loro energia. Noi abbiamo il web e poco più.
    La ringrazio e ringrazio fin d’ora tutti coloro che si metteranno all’opera per scrivere anche sui muri, per parlare anche al vento, per smontare la montagna di chiacchiere e pretese verità sull’Europa che si levano dai mestatori di sempre.Grazie, buon lavoro. Dio la benedica.

  2. cattolico triste

    Grazie Sig.ra Cristina per queste interessanti “spigolature europee” che permettono di capire come sia potuto accadere che la legge 194/78 “Norme per la tutela sociale della maternità” (Aborto libero e gratuito) sia stata approvata da un governo completamente “cattolico vaticansecondista”: Giulio Andreotti (Presidente), Tina Anselmi (Prima donna a ricoprire l’incarico di Ministro della Sanità – Partigiana – Laureata alla Università Cattolica di Milano – Impegnata prima nel sindacato CGIL poi nella CISL – Dirigente del sindacato Tessili poi dei Maestri elementari – Eletta Vice Presidente del Comitato dell’Unione Europea Femminile – Membro del Consiglio Nazionale dello “Scudo Crociato” – Si occupò dei problemi della famiglia e della donna e a lei si deve la legge sulle “pari opportunità” e ciliegina sulla torta “Presidente della Commissione d’inchiesta sulla Loggia Massonica P2”. Ma non dimentichiamo l’onorificenza “Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana”. La legge 194/78…

  3. cattolico triste

    seguito –
    La legge 194/78 fu promulgata dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone “cattolicissimo”. Tina Anselmi affermò che la Legge era stata approvata “come male minore” anche da Papa Paolo VI sempre molto attento alle vicende politiche e che aveva seguito con apprensione le difficoltà incontrate da Andreotti a formare il suo terzo Governo. Non dimentichiamo che la UE ha avuto vari profeti: Saint-Yves (1842 – 1909) maestro degli occultisti francesi che disse:” La caduta dell’impero dei Papi ha permesso la nascita dell’idea di una federazione europea laica”. Albert Pike (1809 – 1891) massone statunitense, chiamato il “papa della massoneria”, disse:” Quando Luigi XVI fu giustiziato la metà del lavoro era stata fatta, ora l’Armata del Tempio doveva rivolgere tutti i suoi sforzi contro il Papato!”. Pare proprio che ultimamente l’obiettivo sia stato centrato. Miserere nostri Domine!

  4. Aprendo i giornali, usciti in questi ultimi tre giorni non si può non notare, al di là delle diverse estrazioni intellettuali e politiche degli articolisti, la crescente costernazione dettata dal timore del cosiddetto effetto domino. Si segnala che alcuni di coloro che hanno votato exit, vorrebbero fare macchina indietro, non pochi sotto la spinta delle dichiarazione dei responsabili politici della Scozia che intende riproporre un nuovo referendum, per il distacco dal Regno Unito per poter restare nell’UE. Già quel referendum, sollevò molti sospetti, visto che i sondaggi davano per certa la volontà degli scozzesi di realizzare l’antica, ardente aspirazione di rendersi indipendenti dal Regno Unito.
    Ma nell’Europa continentale ben altre sono le spinte separatiste, da questa che è recepita come una innaturale camicia di forza contro i popoli e le culture che ne fanno parte.
    Bastano pochi nomi: Ungheria, Polonia, Austria, Slovacchia, e da qualche tempo, anche Croazia. In Italia? proviamo a…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su