Io cardinale? Preferisco il Paradiso. L’esempio di San Filippo Neri – di Paolo Gulisano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Oggi 26 maggio il calendario ricorda San Filippo Neri, un grande protagonista dell’epoca d’oro della Controriforma della Chiesa, che diede alla sfida lanciata con arroganza da Lutero anzitutto una risposta di santità. L’eresiarca di Wittenberg venne smentito nei fatti dai grandi santi, dai mistici, dagli asceti, dai semplici e umili preti fedeli alla dottrina.

Tra queste grandi figure c’era quella di San Filippo Neri, grande testimone della Fede, innovatore nei metodi ma fedelissimo ai principi della Tradizione. Ebbe estimatori illustri, come l’amico cardinale Carlo Borromeo. Fu sempre un semplice prete, che dedicava tantissimo tempo alla confessione. Il fatto che girasse per le strade per salvare i bambini dalle fauci dei quartieri romani, lo ha fatto indicare da qualcuno come il primo “prete di strada”. Magari fossero davvero come lui i “preti dì strada”: si presentava sempre con la sua veste talare, era in giro non per fare discorsi o per attirare l’attenzione dei potenti, ma per salvare le anime. Degli onori, anche di tipo ecclesiale, a Filippo non importava nulla: rifiutò persino di diventare cardinale, rispondendo all’offerta della berretta cardinalizia con una frase assai eloquente: «Preferisco il Paradiso».

Mi è venuta in mente questa risposta pensando al recente annuncio fatto dal papa di un nuovo concistoro e alle nuove nomine cardinalizie.

Ormai Bergoglio ci ha abituato a una frequenza assai elevata di concistori, quasi che avesse fretta di portare ad un ampio ricambio del collegio cardinalizio con porpore di sua nomina.

Ognuna di queste tornate lascia stupiti. Spesso non tanto per le nomine fatte, ma per quelle omesse. Solo per stare all’Italia, ormai sono costantemente “saltate” sede tradizionalmente cardinalizie, come quella di Torino o quella – assai prestigiosa – di Venezia. Anche eminenti curiali come monsignor Fisichella ormai vedono allontanarsi forse definitivamente la berretta rossa. Ma forse la mancata nomina più eclatante in questa occasione è stata quella di Milano. L’arcidiocesi di Sant’Ambrogio e san Carlo è da sempre sede cardinalizia. Monsignor Delpini, per tanti anni infaticabile lavoratore nella vigna ambrosiana e dall’anno scorso successore di Scola, non è stato preso in considerazione dal vescovo di Roma. Eppure l’arcivescovo di Milano è a capo della più grande diocesi europea, una delle maggiori al mondo per estensione e numero di anime.

Il papa ha anteposto a lui e ai titolari delle altre grandi sedi storiche italiane l’arcivescovo dell’Aquila, monsignor Giuseppe Petrocchi, il suo vicario per l’Urbe, monsignor Angelo De Donatis, e il curiale sostituto alla Segreteria di stato Angelo Becciu.

È chiaro che il papa – e in particolare un papa come Jorge Mario Bergoglio – è un sovrano assoluto, che mostra di decidere le nomine cardinalizie a propria personale discrezione e secondo i propri criteri, totalmente indifferente verso tradizioni consolidate. È in suo potere farlo e lui lo fa. Si dice che questa prassi stia generando parecchi malumori tra la gerarchia. È comprensibile, umanamente. Ma in fondo, e ciò vale soprattutto per i vescovi che ancora si occupano della cura d’anime, questo non dovrebbe costituire un problema. In fondo a cosa serve l’investitura cardinalizia? Fondamentalmente a una cosa sola: eleggere un nuovo papa. E se Bergoglio – lui sì – è preoccupato di formare un collegio cardinalizio a propria immagine e somiglianza, per avere dopo di lui un Francesco II, e poi magari un III e così via, come profetizzato da Aldo Maria Valli nel suo straordinario romanzo Come la Chiesa finì, i vescovi “scavalcati” possono stare tranquilli e meditare sulle parole del grande santo fiorentino trapiantato a Roma: davvero è meglio il Paradiso, soprattutto se confrontato con quello che aspetta i cardinali in questo momento drammatico della storia della Chiesa, e anche pensando a un prossimo eventuale conclave, che fa tremare i polsi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Io cardinale? Preferisco il Paradiso. L’esempio di San Filippo Neri – di Paolo Gulisano”

  1. Anche a me un prossimo – eventuale (chissà cosa succederà?) – conclave fa tremare, ma non mi stupisco delle numerose nomine cardinalizie. E’ evidente che cerca di chiudere quanto più in fretta possibile il suo disegno e di blindarlo nel tempo.
    Per quanto riguarda le nomine omesse, anche di quelle tradizionalmente assegnate, non ci vedo molti problemi. Qualcuna è meglio non ci sia stata: penso ad es. all’arcivescovo di Torino (tra l’altro nominato da BXVI e non fatto cardinale). Con questo non voglio dire che mons. Nosiglia e mons. Delpini siano da meno dei nuovi cardinali, di cui non so niente, è molto probabile che non ci siano grosse differenze. Ormai il livello di questi pastori è più o meno lo stesso. I pochi che si elevano al di sopra della media di sicuro non vengono fatti cardinali da Bergoglio.

  2. jb Mirabile-caruso

    Senza alcuna intenzione polemica, dr. Gulisano, ma Lei davvero crede che Bergoglio è un papa cattolico? Davvero Lei pensa di potere oggettivamente provare la cattolicità, non solo di Bergoglio, ma anche di tutti gli altri papi conciliari? Perché veda… se una simile prova dovesse risultarLe, nella realtà, impossibile da produrre, allora Lei si troverebbe nella spiacevolissima situazione di dovere revocare tutti i Suoi scritti in materia in quanto nulli perché basati su di una premessa erronea.

    Qual’è, dr. Gulisano, la Verità relativa alla cattolicità dei papi conciliari? L’Arciprete Lefebvre – uomo di grande coraggio, il solo ad avere AGITO negli ultimi 60 anni – spese tuttavia la Sua vita post-conciliare a giocare con questa precisa Verità, ora riconoscendola in privato, ora disconoscendola in pubblico, non rendendosi purtroppo conto che con la Verità non ci è concesso giocare: o si è con Essa, o si è contro di Essa, tertium non datur.

    Personalmente, non vorrei commettere lo stesso errore. Forse anche Lei, dr. Gulisano, dovrebbe porsi la questione.

  3. Certamente oggi essere cardinale per un vero cattolico sarebbe un martirio, tuttavia se oggi tutti gli uomini di vera fede rinunciassero a tali ruoli la Verità in poco tempo verrebbe quasi totalmente nascosta alla maggior parte degli uomini. È necessario che per amore della Chiesa sia i sacerdoti che i laici si sollevino con coraggio contro l’iniquità che si sta diffondendo se vogliamo evitare che la barca di Pietro naufraghi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su