La marcia per la vita quest’anno ha una valenza in più: si innesta nel ventennale dell’Evangelium Vitae  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’aborto, la disponibilità cioè della vita umana innocente e indifesa, ha aperto la porta alla cultura disumana che vuole ridisegnare l’ontologia dell’uomo e che, per farlo, ha bisogno di dichiararlo oggetto disponibile. Che si può distruggere o modellare ad libitum.

di Marisa Orecchia

 .

PageLines- zzmrcbnn.PNG

.

La quinta edizione della Marcia Nazionale per la Vita si innesta nel  ventennale  dell’Evangelium Vitae, la grande enciclica  sul valore e l’inviolabilità della vita umana che  San Giovanni Paolo II consegnò alla Cristianità  il 25 marzo 1995. Un’enciclica che vuole  collocare la questione vita, e in particolare vita nascente, dentro il cuore della Dottrina sociale della Chiesa al di là delle frequenti  interpretazioni riduttive della stessa che, a parere di molti, si limiterebbe  a occuparsi di  rapporti economici, equità distributiva, giustizia per i poveri, etc.

L’Evangelium vitae è una lucida analisi e una denuncia  della presenza nel mondo del Male che si adopera instancabilmente per uccidere l’uomo e che si organizza in “strutture di peccato”, in potentati che dirigono a livello finanziario, politico, sociale e culturale la vita dei popoli e delle nazioni, stravolgendo anche la funzione della democrazia  che, da mezzo per conseguire  una convivenza  pacifica e rispettosa dei diritti  di tutti, trova esito nella violenza della tirannide.

L’Enciclica è anche e soprattutto un inno di gioia per il dispiegarsi della consapevolezza che l’uomo, il singolo uomo, ha una sua incommensurabile dignità perché scaturisce dal seno della Trinità alla cui contemplazione è destinato per l’eternità. Risuona più volte nell’Evangelium vitae l’incipit della prima lettera di Giovanni:  “Ciò che era fin da principio, ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi abbiamo veduto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che le nostre mani  hanno toccato, ossia il Verbo della vita … noi lo annunciamo anche a voi, perché  siate in comunione  con noi” . Parole che ci richiamano al dovere ineludibile di comunicare la nostra certezza sul valore della vita dell’uomo.

zzmrc1Non possiamo tacere. Come credenti siamo chiamati  ad un grande sforzo per promuovere la cultura  della vita con ogni mezzo e iniziativa e, in particolare, “ una grande preghiera per la vita che attraversi il mondo intero” (n.100), ma – aggiunge San Giovanni Paolo II-  a questo sforzo sono chiamati anche tutti gli “uomini di buona volontà” perché “ il Vangelo della vita  non è esclusivamente per i credenti: è per tutti. La questione della vita  e della sua difesa e promozione  non è prerogativa dei soli cristiani “ (n. 101).

La Marcia per la Vita, che cade quest’anno  domenica 10 maggio,  è una risposta alle esortazioni di San Giovanni Paolo II e acquista perciò quest’anno un’ulteriore pregnanza di significato e importanza.

Chi ha vissuto le precedenti edizioni ha potuto constatare che tra le decine di  migliaia  di persone che sfilavano per le vie di Roma, tra i credenti che pregavano, cantavano, innalzavano stendardi di associazioni religiose, numerosi  erano anche coloro che appartenevano  ad altre religioni. Unico collante la volontà di manifestare il rispetto per la vita umana e il rifiuto dell’aborto volontario e delle leggi che lo consentono. Perché proprio questo si propone la Marcia per la vita: non un generico appello alla tutela della vita, ma un no chiaro e deciso all’aborto procurato.

Abbiamo assistito  e  anche partecipato in questi  ultimi mesi  a numerose iniziative, nel nostro Paese, ma anche nella vicina Francia, nelle quali, anche con grande concorso di popolo, si è manifestato  contro una cultura  che vuole imporre con ogni mezzo un’antropologia nuova che scardina la nostra civiltà, che mira a snaturare l’uomo  per farne un cieco strumento nelle mani di chi detiene il potere. Una cultura che, con il supporto delle istituzioni nazionali e sovranazionali vuole distruggere la famiglia  e impadronirsi dei giovani  con un’educazione pervertita. Una cultura che ha trovato giustamente resistenza in tanti che hanno occhi  per vederne gli esiti futuri  e che non vogliono rassegnarvisi.

Vorrei qui ricordare che il grimaldello usato da questa cultura, che si configura come una grande congiura contro l’uomo, è stato proprio la legalizzazione dell’aborto.

L’aborto, la disponibilità cioè della vita umana innocente e indifesa, ha aperto la porta a questa cultura disumana che vuole ridisegnare l’ontologia dell’uomo e che, per farlo, ha bisogno di dichiararlo oggetto disponibile. Che si può distruggere o modellare ad libitum. Questo, credo, sia importante non dimenticare, mentre  ci si oppone  all’educazione gender nelle scuole, al matrimonio  omosessuale,  alla  stepchild-adoption, alla demolizione della famiglia e via di seguito. L’aborto è la porta spalancata  su questo baratro. Non è battaglia di retroguardia, quella contro l’aborto, come pare  siano in molti a pensare, non è battaglia da lasciar perdere in  nome di un certo realismo politico, nel timore magari  di perdere certe alleanze, ma è battaglia di frontiera cui non è possibile sottrarsi se non si vuole perdere anche tutte le altre posizioni.

A questo ci richiama la Marcia per la Vita, contro l’aborto, senza compromesso. A questo ci invitano le parole  del Vangelo della vita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “La marcia per la vita quest’anno ha una valenza in più: si innesta nel ventennale dell’Evangelium Vitae  –  di Marisa Orecchia”

  1. Anch’io sono d’accordissimo sul termine “grimaldello” da lei usato, cara Marisa.
    E’ più che vero che l’aborto sia stato l’apertura “a volte compassionevole” per portare l’umanità
    nel baratro.
    L’aborto è stato l’albero demoniaco i cui frutti sono, appunto, il gender, il matrimonio omosessuale,
    ecc.
    Preghiamo Colui che è VITA, affinchè provveda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su