Ricognizioni secondo me

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quando ero bambino ero un grande appassionato di Aeronautica Militare. Sapevo letteralmente tutto dei velivoli della Prima e della Seconda Guerra Mondiale. Tra i vari apparecchi, avevo una grande ammirazione per gli agili e affascinanti caccia, come lo Spitfire, ma provavo anche una notevole simpatia per i ricognitori, questi aerei piccoli, lenti, disarmati, che volavano oltre le linee nemiche per osservare, localizzare, fotografare. 

I piloti di questi ricognitori erano dotati di grande coraggio, determinazione, ostinazione. Il loro compito era strategicamente vitale, anche se nessuno di loro poi si prendeva i meriti dei celebrati assi. Un lavoro difficile e ingrato, ma qualcuno doveva pur farlo, rischiando moltissimo, perché nel caso in cui fossero stati scoperti dai caccia avversari, ci sarebbe stato ben poco da fare. Per non parlare della contraerea nemica da terra. 

All’inizio di questa nuova avventura editoriale che è Ricognizioni, mi sento più che mai simpatetico e affine ai piloti dei vecchi ricognitori. Il nostro è un compito simile al loro. In più, a peggiorare le cose, le linee di confine con il territorio del nemico si sono molto ridotte. E poi c’è un fuoco amico sempre meno occasionale e involontario. Bisogna essere coraggiosi per compiere ricognizioni, per individuare e segnalare i punti critici dove agiscono e si concentrano le forze ostili, ma bisogna farlo.

Il nostro è un tempo in cui prendersi dei rischi. Calcolati, certo. Senza rinunciare alla sacrosanta virtù della prudenza, da non confondersi però con pavidità e calcolo. Compiremo queste ricognizioni per i nostri lettori. Forniremo tutte le indicazioni utili. Cercheremo di non farci abbattere. A bordo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “Ricognizioni secondo me”

  1. antonio corso

    mi manca il vostro Repubblichiere col cardinal Travasi. Ho letto l’intervista di questo cardinale senza la t iniziale al corsera. Incredibile!!! Critica Salvini, ma si guarda bene dal dire anche mezza critica ai veri potenti, come la bonino, soros etc. E poi ha anche l’impudenza di dire che bisogna andare controcorrente, piu’ a favore della corrente dominante di cosi’. Un vostro commento e’ gradito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su